Un post per farmi dormire meglio.

Solo sette mesi che non aggiorno il blog? E che vuoi che sia! Ormai, alla mia veneranda età, il tempo da dedicare a riflettere analiticamente su un argomento qualsiasi e buttar giù qualcosa in un decente italiano è veramente scarso, asintoticamente tendente a zero. Insomma, c’è il lavoro, c’è il LombardoVeneto cacacaz  esigente, c’è da tener pulita e in ordine (pfffff…) la casa, da decidere cosa mangiare e cercare magari di non lasciare tutto il peso della cucina sul cac sul LV, da ricordarsi di fare lo scrub e la maschera due volte a settimana, tenersi aggiornata sulle ultime tendenze su trucco e pulizia del viso tramite Clio e Carlita,  fare una telefonata a Mamayo prima che lo faccia lei (impresa giudicata impossibile persino dalla buonanima di Patrick de Gayardon), e poi la manicure, la vita sociale, FacciadiLibbro e tutte quelle altre menate di contorno che volendo ti occuperebbero la giornata intera… sì, è una vita dura, lo ammetto, tanto che a volte mi viene da pensare quanto bello sarebbe chiudersi nella tranquilla prevedibilità di un posto fisso nelle miniere di Golconda.

Tutto questo per dire cosa? Ma niente. Nell’epoca dei social e dei tutorial non esiste alcuna necessità di avere qualcosa di interessante da dire. Certo, potrei facilmente deliziarvi raccontandovi dei miei prodotti preferiti di luglio, ma temo che ci abbiano già pensato un paio di tizi  prima di me. (In realtà mi chiedo spesso a chi cazz interessino i prodotti preferiti del mese di chichessia. C’è davvero qualcuno che prima di andare a fare shopping dice: occribbio è meglio dare un’occhiata prima ai prodotti preferiti di Patty , non vorrei spendere  un sacco di soldi per qualcosa che non è già stato testato da gente più figa di me?).

Oppure potrei, con altrettanta facilità, discorrere di quanto sia interessante l’ultimo bestseller che ha convertito alla lettura persino Nicole Minetti e Belèn, ma ad essere sincera ogni volta che affronto l’argomento sento dentro di me un tracollo di bile. Sarà colpa della mia indole rosicona e invidiosa, ma proprio non riesco a ingoiare il rospo di una fanfiction di grado infimo che diventi un bestseller internazionale, mentre ci sono tante fanfic su HP molto più interessanti che nessuno si caga. No, io non scrivo fanfic. Neanche su HP. Al massimo, in assenza del Lombardo Veneto, prima di dormire mi immagino di farmi una pomiciata con Sirius Black.

Ma solo perché, si sa, senza il bacio della buona notte si fanno sogni Kafkiani.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in virtualmente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...